Elezioni del consiglio direttivo anno 2020

La votazione avverrà su questa sezione del sito, con garanzia dell’anonimato, potranno esprimere le proprie preferenze solo i soci iscritti al sito.

Ci sarà la possibilità di dare cinque preferenze e verranno eletti coloro che raggiungeranno il quorum pari al 5% degli aventi diritto al voto. Il presidente verrà eletto in seno al consiglio direttivo.

La commissione elettorale riterrà validi i voti arrivati nel periodo che va dal 7 al 23 novembre 2020.

Lista Candidati

Candidato 1

  • Nome:
    ALICE ARDUIN
  • Qualifica:
    PTSTA-P
Programma

Breve introduzione :
Mi chiamo Alice Arduin, sono Psicologa Psicoterapeuta PTSTA-P nel modello dell’Analisi Transazionale. Sono docente e supervisore presso la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia “Centro Psicologia Dinamica” di Padova e in altri Istituti di formazione negli ambiti della Psicoterapia, dell’Educazione e del Counseling.
Dal 2005 faccio parte del Direttivo dell’AIAT e sono responsabile dell’Area Relazioni Interne. Faccio parte dal 2020 del comitato di redazione di Neopsiche.
L’appartenenza all’AIAT e l’esperienza nel Direttivo AIAT hanno rappresentato per me in questi 5 anni un percorso importante, in cui ho investito riflessioni, consapevolezza, crescita personale e professionale. Desidero rinnovare la mia candidatura per le elezioni del Direttivo AIAT, per collaborare all’interno della comunità AT, per continuare a condividere gli aspetti teorici, clinici, etici che orientano l’associazione AIAT nel lavoro con e verso i suoi Soci.


Punti:

  • Garantire la continuità del mio impegno all’interno dell’AIAT, collaborando con i colleghi per il coordinamento dell’area Relazioni Interne (Bollettino, newsletter, ufficio stampa, sito web) e proseguendo nello sviluppo sempre maggiore della rivista Neopsiche (partecipazione alla redazione e verifica degli standard professionali e di formazione).
  • Sviluppare l’appartenenza alla comunità AT e all’Associazione AIAT dei professionisti specializzandi e specializzati in psicoterapia.
  • Promuovere l’affiliazione all’EATA attraverso la collaborazione tra l’AIAT e le altre associazioni nazionali di Analisi Transazionale, in un’ottica di collaborazione tra i vari istituti di Analisi Transazionale.
  • Incoraggiare la cooperazione tra i vari campi di applicazione dell’AT: in particolare mi sta a cuore lo sviluppo del Counseling ad orientamento AT, per creare un buon terreno per la diffusione di una cultura della consulenza AT.
  • Promuovere in generale la conoscenza del modello dell’Analisi Transazionale, sviluppando e diffondendo la teoria, e dando il mio contributo nello scambio di pensieri, saperi, teorie e metodologie che crea un corpus di concetti fondamentali nel modello AT.

Candidato 2

  • Nome:
    REMO DELLO IOIO
  • Qualifica:
    CTA
Programma

Punti:

  • Contribuire con tutte le mie competenze alla diffusione e alla divulgazione dei contenuti, dei valori e della teoria dall’analisi transazionale
  • Collaborare al meglio delle mie possibilità a tutti i compiti o gli obiettivi che dal cda dovessero essermi assegnati, in proprio o in team con altri consiglieri e/o soci
  • Contribuire con tutte le mie competenze all’esistenza e alla sostenibilità dell’associazione AIAT in linea con i principi filosofici dell’at, e del regolamento stesso dell’associazione
  • Portare, laddove possibile, innovazione nei modi dell’associazione e nei modi della comunicazione della stessa.

Candidato 3

  • Nome:
    CESARE GURRADO
  • Qualifica:
    PSICOTERAPEUTA AT
Programma

Cesare Gurrado, psicologo e psicoterapeuta a indirizzo analitico transazionale, collaboratore presso il Centro Berne di Milano.
L’obiettivo della mia candidatura è quello di coinvolgere sempre di più nella vita dell’AIAT gli specializzandi e i neo diplomati delle scuole di psicoterapia aderenti all’associazione, per continuare a promuovere la cultura e i valori dell’analisi transazionale così tanto voluta dai fondatori dell’AIAT stessa.
Punti:

  • Continuare l’egregio lavoro svolto dal direttivo uscente, in particolare nel portare avanti la ricerca sul trattamento del disturbo d’ansia attraverso l’analisi transazionale (raccolta fondi piattaforma informatica, gestione dello studio di ricerca).
  • Studiare e mettere a terra nuovi progetti per la ricerca in psicoterapia (es. il progetto per il manuale AT per il trattamento dei disturbi di personalità, già in cantiere; uno studio di ricerca sull’efficacia della psicoterapia di gruppo con l’AT).
  • Ho un sogno: vorrei che nel digitare su google “AIAT” il primo risultato fosse il nostro sito e non l’“Associazione Ingegneri per l'Ambiente e il Territorio” (con tutto il rispetto per questa associazione). Per far sì che ciò accada, è necessario mettere a terra un progetto di visibilità del sito.
  • Oggigiorno i social network offrono a chiunque la possibilità di condividere e mostrare al resto del mondo le proprie idee. Credo fermamente che anche l’AIAT ne gioverebbe.
  • Implementare con nuove funzioni il sito dell’AIAT a favore dei soci (area riservata).
  • Continuare a promuovere a mantenere un saldo rapporto con l’European Association for Transactional Analysis e con International Transactional Analysis Association.
  • Continuare lo scambio proficuo fra le diverse scuole di psicoterapia italiane socie AIAT.
  • Sostenere le scuole di specializzazione nel promuovere la venuta in Italia di analisti transazionali stranieri attualmente importanti.
  • Effettuare follow-up dei neodiplomati nelle scuole di psicoterapia aderenti all’AIAT per monitorare la percentuale di persone che riescono successivamente a lavorare come psicoterapeuti.
  • Creare un format che raccolga i feedback dei trainee che frequentano le scuole di specializzazione in psicoterapia socie AIAT, in modo da raccogliere dati utili al fine di migliorare l’offerta formativa e creare uno standard qualitativo riconosciuto da tutti.
  • Migliorare l’offerta per i potenziali associati, come per esempio gli studenti delle scuole di specializzazione: (riduzione costi a partecipazione convegni, riduzione costi per quota associativa, creazione di un gruppo di giovani psicologi all’interno dell’AIAT).
  • Promuovere iniziative volte ai giovani studenti di psicoterapia che cominciano ad approcciarsi al mondo del lavoro (come promuoversi sui social, questioni legali, etiche o fiscali).
  • Salvo casi eccezionali, l’analisi transazionale viene presentata molto poco all’interno degli atenei di psicologia italiani. Come AIAT, possiamo avere il compito di creare relazioni con le università per permettere agli studenti di venire a conoscenza del mondo dell’Analisi Transazionale durante il periodo di studi universitario.

Candidato 4

  • Nome:
    MARIANO IAVARONE
  • Qualifica:
    COUNSELLOR AT
Programma

Da oltre quindici anni svolgo l’attività di counsellor professionista, scelta avviata per qualificare il mio percorso professionale nell’ambito del Servizio Sociale, poi evoluta nell’attività libero-professionale nel campo clinico e educativo e nel mondo della didattica. Sono formatore e supervisore in counselling analitico-transazionale, didatta in corsi di counselling e co- direttore della scuola di counselling del Centro Logos di Caserta. L’Analisi Transazionale è diventato il mio frame teorico di riferimento che mi consente di muovermi agilmente e con efficacia tra lavoro con le persone e interventi con sistemi e organizzazioni. La passione per l’AT ed il senso di riconoscimento e di gratitudine verso il fondatore dell’AIAT, Carlo Moiso, e per il presidente uscente, Rino Ventriglia, mi ha già visto impegnato per tre mandati alla vita dell’AIAT, come membro del Consiglio Direttivo, dove ho coordinato l’Area counselling, ho ricoperto la carica di tesoriere ed ho fatto parte del comitato scientifico di Neopsiche. In questi anni ho contribuito, in seno al Consiglio Direttivo, alla evoluzione dell’AIAT su vari fronti: la crescita del senso di appartenenza dei soci, il lavoro di paziente tessitura della rete tra le sette associazioni AT italiane, l’interlocuzione dell’AT con il mondo accademico, il miglioramento del sistema di comunicazione e di visibilità dell’AIAT (sito, social, bollettino), il cammino nel mondo della ricerca (percorso tuttora in pieno sviluppo e apprezzato dalla comunità scientifica e dall’EATA); nel campo di mia più specifica competenza, ho aiutato l’AIAT a dedicare attenzione al mondo dei counsellor, alla interlocuzione con le associazioni di categoria di counselling, ed al dialogo con il mondo degli psicologi nell’ottica dell’integrazione e del rispetto dei reciproci confini professionali. Mi candido alle elezioni 2020 per continuare questo impegno attivo e per sostenere l’AIAT nel portare avanti quanto avviato.
Punti:

  • Consolidare il senso di appartenenza dei counsellor all’AIAT, ed il dialogo con le associazioni di categoria italiane di counseling
  • Realizzare percorsi di alta formazione e aggiornamento per i counsellor soci AIAT
  • Istituire la Commissione nazionale dei counsellor AIAT, un ampio gruppo di confronto scientifico ed operativo
  • Fondare e curare, in seno alla suddetta Commissione, una specifica “sezione Counselling” nella rivista Neopsiche

 

Candidato 5

  • Nome:
    ANTONELLA RAFFAELLA (ELLA) PAOLILLO
  • Qualifica:
    PTSTA
Programma

Sono Psicologa Psicoterapeuta PTSTA-P nel modello dell’Analisi Transazionale. Sono docente e supervisore presso la Scuola di Specializzazione in Psicoterapia “Centro Logos” di Casapulla.

Per questo mandato mi propongo di dare ampio spazio alla comunicazione con gli associati, l'ascolto delle problematicità, la diffusone ed implementazione di iniziative volte ad arricchire la comunità, con una particolare attenzione agli aspetti Etici e di Ricerca.

Nel rispetto di quella che penso sia una necessità imprescindibile dell'Analisi Transazionale nazionale ed internazionale mi impegnerò a sostenere la creazione e la condivisione di ogni strumento possa essere utile alla validazione empirica del nostro Modello Psicoterapico (sempre più richiesta in ambito internazionale dall'Organizzazione Mondiale delle Sanità -O.M.S-; in ambito nazionale dal Ministero dell'Istruzione dell'Università e della Ricerca- M.I.U.R-).

A tale scopo mi propongo di continuare lo sviluppo della piattaforma di Ricerca AIAT per consentire principalmente a ogni professionista di trasformare il proprio studio in un polo di ricerca, dando così il proprio contributo scientifico all'AT.

L'impegno alla gestione Etica delle risorse e della costruzione delle opportunità sarà alla base di ogni operato.

Ho intenzione di creare momenti di condivisione, formazione, diffusione di prassi riconosciute dalla comunità scientifiche così da diffondere la cultura delle Ricerca in AT, che si sostanzia in una cultura della qualità scientifica dei propri interventi.

Inoltre mi propongo di sostenere gli studi e le iniziative volte al progresso scientifico dell'AT, costruendo gruppi di lavoro con un approccio pluridimensionale che tenga conto Eticamente delle complessità oggetto di ricerca, così da consentire alle attività di ricerca di essere ricche ed obiettive. A livello istituzionale mi prefiggo di coltivare i rapporti nazionali ed internazionali con gli enti che possono sostenere, rispecchiare e testimoniare l'impegno che stiamo profondendo in ambito di Ricerca (EATA, CNOP, SPR, e le altre associazione di AT presenti in Italia).

Il tutto sarà accompagnato da un sostegno alla digitalizzazione e la facilitazione di accesso dei soci ai contenuti ed alle iniziative preposte.

Punti:

  • Rapporto diretto con i Soci
  • Validazione Empirica dell'AT: implementazione e diffusione della Piattaforma di Ricerca dell'AIAT, momenti dedicati alla formazione in ambito di ricerca.
  • Rapporti istituzionali con associazioni nazionali ed internazionali per sostenere ed aumentare la visibilità del nostro operato.
  • Digitalizzazione ed accesso facilitato ai contenuti ed iniziative preposte

 

Candidato 6

  • Nome:
    MARIO AUGUSTO PROCACCI
  • Qualifica:
    TSTA-P
Programma

Penso che in questo periodo l’impatto sociale, culturale e professionale dell’AT vada rinvigorito, mettendo in risalto il valore di questo modello teorico e metodologico

Punti:

  • Continuare e implementare l’impegno dell’associazione alla ricerca sull’efficacia dell’AT nei diversi ambiti applicativi
  • Stimolare gli allievi e i nuovi colleghi a fare ricerca o a pubblicare sul TAJ, attraverso premi e/o il supporto necessario
  • Sollecitare il confronto tra le associazioni AT in Italia nel rispetto delle diverse prospettive, mantenendo salde le “radici” dei fondatori dell’AIAT

Candidato 7

  • Nome:
    FABIOLA SANTICCHIO
  • Qualifica:
    PTSTA P
Programma

Il programma che presento si pone come obiettivo l’ampliamento e il consolidamento dell’AIAT come realtà associativa italiana, in collegamento costante con le realtà estere di AT.
Il fine ultimo è contribuire affinché l’AIAT diventi, sempre più, un punto di riferimento per i membri professionisti AT, invogliandone l’iscrizione e il mantenimento della stessa.

Punti:

  • Creazione di contatti e collegamenti tra l’AIAT e le associazione estere di AT, con particolare attenzione a quelle di recente costituzione.
  • Creazione di contatti e collegamenti tra l’AIAT e gli enti istituzionali nazionali (ordini regionali, ENPAP…) e altre realtà associative nazionali, per una maggiore conoscenza dell’AT nel mondo istituzionale/politico professionale Italiano.
  • Organizzazione di eventi formativi e di aggiornamento (nei diversi campi di applicazione) per i soci AIAT, a costi contenuti e/o gratuiti, richiedendo, laddove possibile, l’accreditamento ECM. Traduzione regolare di articoli internazionali pubblicati sul TAJ in lingua italiana.

 

Candidato 8

  • Nome:
    ANDREA SOMMA
  • Qualifica:
    Psicoterapeuta, CTA Trainee
Programma

Dal 2018 ho creato e sto curando il Canale Youtube dell AIAT che nel tempo si arricchisce dei contenuti della nostra associazione: testimonianze, interviste, aggiornamenti sulla ricerca. Il mio impegno nel potenziamento dei social media vuole favorire l'accesso al lavoro svolto lasciando traccia nel tempo dell'esperienza dell'associazione, dei soci e dei colleghi che con essa collaborano. Il mio mandato sarà così orientato a documentare e favorire la diffusione e fruizione dei contenuti (Convegni, Seminari, Interviste, Focus Tematici) promossi dalla nostra associazione e dal movimento A.T. nazionale ed internazionale attraverso la creazione di un archivio digitale multimediale delle attività svolte e la pubblicazione dei contenuti sui canali social dell'AIAT. Un sezione particolare sarà dedicata alle traduzioni in Italiano di interviste e video didattici presenti in rete di chi ha posto le basi dell'A.T. ( Berne, English...): la maggioranza di tali video ad oggi circolano in rete esclusivamente in lingua originale e non sottotitolata. L'adattamento in italiano ed il sottotitolaggio vuole arricchire l'esperienza, la comprensione e la diffusione dei concetti A.T. attraverso i volti e le parole di chi questi concetti li ha pensati e promossi. La stessa attenzione verrà posta ai nuovi sviluppi teorici che troveranno così un canale aggiuntivo di diffusione e ai contributi di maggior rilievo prodotti dalla nostra associazione che potranno arricchirsi di un sottotitolaggio in inglese al fine di promuovere e favorire una maggiore visibilità e diffusione nel panorama scientifico internazionale.

Punti:

  • Registrazione ed elaborazione video degli appuntamenti di rilievo della associazione
  • Sviluppo Canale Youtube dell'Aiat, potenziamento dei canali Social come mezzo di informazione su Attività, Appuntamenti e Materiale in Condivisione
  • Traduzioni ed Adattamenti in lingua dei filmati di figure di rilievo nel panorama A.T.

 

Candidato 9

  • Nome:
    LEOPOLDO SPINOSA
  • Qualifica:
    Psicoterapeuta e Analista Transazionale Certificato (CTA)
Programma

Ho aderito all’Associazione AIAT condividendo i principi del fondatore Carlo Moiso, promotore dell’Analisi Transazionale in Italia. Apprezzo il valore associativo e considero l’Associazione come il luogo umano e professionale di appartenenza, condivisione e confronto delle peculiarità personali, delle origini e delle rappresentanze.
Privilegiandone lo spirito e le finalità, in un ottica di cooperazione e rispetto, ho partecipato con interesse, dedizione e fattiva collaborazione alla realtà Associativa AIAT, in particolare sono stato membro del Consiglio Direttivo uscente, in carica nel periodo 2015/2020, della Commissione Etica, collaboratore nell’Area Relazioni Interne, contribuendo alle relative attività ed in particolare nella redazione e pubblicazione del Bollettino, del Comitato Scientifico della Rivista Neopsiche e della Commissione Scientifica, Esami EATA e Ricerca.

Punti:

  • Favorire il collegamento tra le radici storiche dell’Associazione e le prospettive attuali e future della realtà associativa all’interno del panorama dell’analisi transazionale. Stimolare e alimentare la ricchezza derivante dalla stabilità organizzativa, dalla continuità programmatica e dall’innovazione.
  • Favorire l’adesione all’AIAT di realtà appartenenti ai diversi campi di applicazione dell’AT (Counselling; Educativo; Organizzazione; Psicoterapia). Promuovere momenti di confronto e cooperazione per sostenere il dialogo e l’integrazione particolarmente fra la psicoterapia ed il counselling.
  • Sostenere e continuare la promozione della ricerca e favorire la cooperazione con le realtà “accademiche” al fine di rendere conoscibile e confermare la validità dei trattamenti che utilizzano l’Analisi Transazionale, nel panorama scientifico nazionale ed internazionale.
  • Potenziare le attività dell’AIAT per fornire ulteriori e nuovi servizi agli associati, in modo da favorire ed incoraggiare la partecipazione alle iniziative, ampliare la base associativa e consolidare il senso di appartenenza alla comunità AT.

 

Candidato 10

  • Nome:
    SALVATORE (RINO) VENTRIGLIA
  • Qualifica:
    TSTA-P
Programma

Da tempo sono nel Direttivo dell’AIAT e, in questi ultimi anni, ho avuto l’onore di essere presidente. Mi sono impegnato a promuovere lo sviluppo dell’Analisi Transazionale in vari ambiti; questo impegno ha condotto a un primo convegno nel maggio 2018 presso l’Università di Padova che ha costituito un primo passo nel dialogo con il mondo accademico e con la SPR italiana e a un secondo convegno nel 2019 sui Disturbi d’ansia al quale hanno partecipato alcune Associazioni Italiane. Successivamente, con l’aiuto di tutto il Direttivo e dei soci che con generosità stanno sostenendo l’iniziativa, stiamo concretizzando l’obbiettivo di una piattaforma di ricerca che consente ai clinici di fare ricerca dal proprio studio. Inoltre stiamo lavorando per la manualizzazione dei disturbi d’ansia con l’Analisi Transazionale. Un altro ambito al quale mi sono dedicato con passione è la costruzione di rapporti con le altre Associazioni italiane di Analisi Transazionale, impegno che è sfociato nel lavorare per il Convegno AT 2020 in programma per il prossimo dicembre . Ritengo fermamente che l’Analisi Transazionale non si contraddistingua solo per l’efficacia nei vari campi di applicazione ma soprattutto per un principio nel quale, per la sua dimensione psicologica e spirituale, trovo il senso e il significato delle mie azioni: l’Okness! La perla che rende prezioso ogni rapporto, ogni attività; la perla che voglio continuare a custodire e a trasmettere all’umanità sfiduciata di oggi, seguendo le orme del nostro euemero Berne. In sintesi, gli obbiettivi che voglio portare avanti sono:

Punti:

  • Promuovere lo sviluppo della ricerca integrata con la clinica, proseguendo la collaborazione con i Centri di Ricerca afferenti all’AIAT e con le Associazioni Italiane di Analisi Transazionale
  • Stimolare nei soci e nelle scuole l’appartenenza all’AIAT, in particolare tra i giovani.
  • Cooperare all’unione degli analisti transazionali al di la delle singole scuole e associazioni per diffondere l’Analisi Transazionale.
  • Proseguire il dialogo con il mondo accademico e con la SPR
  • Promuovere e diffondere la cultura dell’Okness
  • Aprire il confronto con altri approcci teorici

Candidato 11

  • Nome:
    MARIA VIRGILLITO
  • Qualifica:
    Psicoterapeuta, CTA Trainee
Programma

Punti:

  • Divulgazione didattica del modello Analitico Transazionale
  • Divulgazione ed applicazione clinica nei contesti privati e istituzionali del modello Analitico Transazionale
  • Ricerca

Associazione Italiana di Analisi Transazionale

Ufficio di presidenza e segreteria soci

Via I. Pizzetti, 16
81020 – Casapulla (CE)
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Privacy Policy